Zefiro Love Life - Armonia di Corpo, Mente, Spirito

Piazza Gerolamo Brandolini, 5
31030 - Cison di Valmarino TV

+39 344 2562 418
info@zefirolovelife.it

‘Nella capanna di sudore, il sacro grembo della madre terra, la mente, le emozioni, il corpo e lo spirito si danno appuntamento per intraprendere il volo magico della coscienza. Nella sua cavità, in quell’utero caldo, le maschere dell’ego si dissolvono e si trasformano in un fiume cristallino che, cantando, attraversa i quattro mondi della creazione: l’aria, il fuoco, l’acqua e la terra.’

‘Pratiche sciamaniche. Il cammino della conoscenza silenziosa.’ Di A.Comneno e M.Balboni
 

Nelle parole dei suoi maestri, la parola ‘Inipi’ significa ‘nascere di nuovo per essere in relazione con tutto l’Universo’, è il canto della Madre terra che ci purifica e guarisce a tutti i livelli. La capanna sudatoria è una delle cerimonie più importanti di purificazione dei nativi americani.

Spogliata di tutto ciò che non fa parte di me: anelli, collane e tutti quegli oggetti che identificano la parte di me materiale ed illusoria, mi approccio ad entrare nel sacro cerchio. Con rispetto ed umiltà, onorando il Grande Spirito, compio un giro su me stessa in senso orario.

Lasciandomi trasportare dalla sacralità di quel luogo mi avvicino lentamente, passo dopo passo, al grande fuoco.   Mi fermo lì. Osservo la sua potenza, la sua forza, la sua fluidità e leggerezza. I piedi nudi sulla Terra e il calore del fuoco, il vento, il fumo, il sole. Il fumo del fuoco genera ombre che come particelle danzanti si muovono allegre e frizzanti, mi fanno sorridere. Lo spirito del fuoco è li, pronto ad impartire lezioni a chiunque si ponga con un atteggiamento di umiltà ed apertura.

Quel fuoco che brucia e purifica è ciò che ci accoglie prima di entrare nella capanna.

La Terra, Madre Terra è li a sostenerci e guidarci in questo viaggio. Portando onore, inginocchiata davanti alla porta, con il battito della terra che si collega a quello del mio cuore, chiedo il permesso per entrare. Muovendomi lentamente ed in senso orario, raggiungo il posto che mi è stato indicato, il mio posto.

Dentro è buio, le tenebre ti mettono a contatto con la tua parte oscura, con ciò che ancora devi pulire, con ciò su cui vuoi migliorare. Nella compostezza, nel rispetto, nel silenzio, nella condivisione con i fratelli e le sorelle che uniscono il loro intento nel rinascere a se stessi, viene vinta quella paura primordiale di arrendersi alla vita, di partorirsi rinnovato o semplicemente lavato da quella scorza ruvida che difendeva un involucro morbido e fragile, indifeso, davanti alle intemperie quotidiane.

Ed ora ci sei solo tu, a contatto con il tuo fuoco interno. Sei tu che devi trovare le forza per lasciar morire ciò che non sei più. Tutti quegli schemi mentali entro cui ti sei rintanato, tutti quei sentimenti che per tanto hai tenuto dentro. Nel buio abbandoni la maschera che per tanto hai portato. Inspirando ti bruci, espirando rinasci. Inspirando ti purifichi, espirando ti doni al mondo. Prega, canta, respira. Ascolta il tuo cuore. Il Grande Spirito veglia su di te.

Aho Mitakuye Oyasin,
Onoro tutte le mie relazioni.
Vi onoro in questo ciclo di vita con me oggi.
Sono grato per questa opportunità di riconoscervi in questa preghiera….
Per il Creatore, per il dono supremo della vita, io ringrazio.
Per il popolo minerale che hai costruito e mantenuto le mie ossa e tutto il progetto per la mia esperienza di vita, io ringrazio.
Per il popolo floreale che sostiene i miei organi e il mio corpo e mi da le erbe curative in caso di malattia, io ringrazio.
Per il popolo animale che mi nutre dalla tua stessa carne e offre la tua compagnia fedele in questo cammino di vita, io ringrazio.
Per il popolo umano che condivide il mio percorso come una sola anima sulla Sacra ruota della vita terrena, io ringrazio.
Per il popolo Spirituale che mi guida invisibile attraverso gli alti e bassi della vita e per portare la fiaccola della luce attraverso i secoli, io ringrazio.
Per i quattro venti di cambiamento e di crescita, io ringrazio.
Siete tutti le mie relazioni, i miei parenti, senza i quali non sarei vivo.
Siamo nel ciclo della vita insieme, co-esistenti, co-dipendenti, co-creando il nostro destino.
L’uno, non meno importante dell’altro.
Un popolo che si evolve dall’altro e tuttavia ognuno è dipendente da quello appena sopra e da quello appena sotto.
Tutti noi siamo parte del Grande Mistero.
Grazie per questa vita.
Nascere uomo/donna su questa terra è un incarico Sacro.
Abbiamo una responsabilità Sacra, dovuta a questo dono eccezionale che ci è stato fatto, ben al di sopra del dono meraviglioso che è la vita delle piante, dei pesci, dei boschi, degli uccelli e di tutte le creature che vivono sulla Terra.
Noi siamo in grado di prenderci cura di loro”.

Shenandoah

, ,
Giulia Berti

Giulia Berti

La danzatrice di stelle. Sono Giulia, una sognatrice alla ricerca di me stessa, amante della vita ed incantata dalla natura. Amo meravigliarmi per le piccole cose e desidero rendere i miei sogni realtà.